Messina, la Polizia di Stato e la Capitaneria di Porto sequestrano oltre un quintale di prodotti ittici. Elevate sanzioni per circa 2.500 euro

La scorsa settimana, nel corso di specifici servizi di vigilanza e controllo sulla filiera dei trasporti commerciali dei prodotti ittici, i poliziotti del Distaccamento della Polizia Stradale di Barcellona Pozzo di Gotto, congiuntamente a personale della Capitaneria di Porto – Guardia Costiera di Milazzo, hanno sequestrato circa 100 kg di prodotti ittici non idonei al consumo umano.

Nei fatti, in prossimità del casello autostradale di Villafranca Tirrena (Me), veniva controllato un mezzo di una società di vendita all’ingrosso di prodotti ittici, il quale trasportava del pesce fresco. Al controllo, tale pescato risultava privo delle “etichette” indicanti la provenienzaed inoltre il mezzo non risultava idoneo poiché privo del gruppo frigo e delle relative certificazioni.

​L’intero quantitativo di pesce è stato, pertanto,sottoposto a sequestro per violazione della vigente normativa in materia di sicurezza alimentare (D. Lgs. 193/2007) mentre il personale dell’ASP di Messina, appositamente intervenuto, ha ritenuto il pesce non idoneo al consumo umano, disponendone la distruzione.

​A conclusione dell’attività, inoltre, sono state elevate sanzioni amministrative pari a 1.000 euro per la violazione della predetta normativa e a 1.500 euro per la mancata tracciabilità del pescato.Sono in corso e saranno intrapresi ulteriori controlli a salvaguardia della salute e della sicurezza dei cittadini.

Share:

Author: Irene Galati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *