Milazzo, La Città dei bambini spensierati Gigliopoli in risposta alle accuse di illegittimità in suo conto


Gigliopoli, 4 ottobre 2021 – “C’era Don Luigi Ciotti in visita a sorpresa a Gigliopoli, quando abbiamo appreso dalla stampa che il nostro rapporto con la Fondazione Lucifero di San Nicolò veniva apostrofato con il termine ‘illegittimo’. Ci siamo chiesti come mai venivamo a sapere di questo parere solo tramite i giornali e perché chi ieri ci definiva ‘vittima’, oggi decide di attaccarci in maniera subdola e plateale.” Esordisce così l’Associazione ‘Il Giglio’, presieduta da Enzo Scaffidi che in sintesi, in un comunicato alla stampa, in risposta alle recenti polemiche che girano attorno alla Fondazione Lucifero, ricerca spiegazioni sulla presunta illegittimità del partenariato che dura da più di un decennio, che ha visto crescere un progetto innovativo sperimentale che esiste da circa vent’anni e che viene apprezzato da esperti di tutto il mondo, rinviando alle sedi opportune gli ulteriori approfondimenti del caso senza escludere, si legge, di adire le vie legali per la tutela della propria immagine e della propria reputazione, compresi i danni conseguenti. Il motivo è che, andrebbe posta priorità alla chiarezza senza liti e discussioni inutili e senza intralciare la vita dei protagonisti che sono più deboli, ovvero minori, di chi ha una realtà dura da affrontare ogni giorno e riconosce in Gigliopoli, insieme agli associati, i professionisti, gli educatori e tutti gli operatori, un porto sicuro .“La natura dell’Associazione Il Giglio – dichiara Scaffidi – è quella di orientare le proprie risorse non al profitto, ma al perseguimento dell’interesse comune. Vorremmo – continua Scaffidi- che le accuse ci venissero mosse in maniera totale, completa, libera e trasparente, vorremmo che il mezzo stampa venisse utilizzato anche e soprattutto per raccontare il nostro progetto, apprezzato dai più, ma denigrato da un’ostile politica di bandiera”.

Author: Irene Galati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *