“Qui rido io “ di Mario Martone per raccontare attraverso il cinema il teatro di Eduardo Scarpetta

La 78ª edizione della Mostra internazionale d’arte cinematografica che ha impegnato e impegnerà Lido di Venezia dal 1º all’11 settembre 2021, evento diretto da Alberto Barbera e organizzato dalla Biennale presieduta da Roberto Cicutto, ieri ha aperto il red carpet al film “Qui rido io “ di Mario Montone in concorso per il Leone d’oro e per la Coppa Volpi per la miglior interpretazione maschile. Un film prodotto da Indigo Film con Rai cinema in coproduzione con Tornasol in caldo dialetto napoletano col sottofondo di musiche travolgenti visibile nelle sale cinematografiche tra qualche giorno.
Un film che riporta alla luce la vita di Eduardo Scarpetta, dipinto come un capostipite genio teatrale dalla foga del riscatto sociale a mezzo del botteghino e della famiglia-tribù allargata dei De Filippo. Un film che racconta di Scarpetta ma anche la tradizione napoletana dell’800 dello stare insieme e il processo di Miseria e Nobiltà in cui Scarpetta fu accusato di plagio da Gabriele D’Annunzio. Un mix tra commedia, biografia e romanzo di una paternità rinnegata. Nel cast oltre il protagonista Toni Servillo anche Maria Nazionale, Cristiana dell’Anna, Antonia Truppa, Eduardo Scarpetta pronipote omonimo, Roberto De Francesco, Lino Musella e altri fanstastici attori.

Author: Irene Galati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *