Messina, indagine sui prezzi.Si rileva un aumento congiunturale delle tariffe nel mercato libero dell’energia elettrica

In un’indagine sui prezzi al consumo nella città di Messina, viene mostrato che, nel mese di marzo 2021 si è registrato un incremento congiunturale del 0,4% e tendenziale del 0,9% dell’indice dei prezzi al consumo. Crescono tendenzialmente rispetto all’anno precedente: prodotti alimentari e bevande analcoliche (+1,2%), bevande alcoliche e tabacchi (+1%), abbigliamento e calzature (+0,3%), abitazione, acqua, elettricità, e combustibili (0,4), mobili, articoli e servizi per la casa (+1,2%), servizi sanitari e spese per la salute (+0,5%), trasporti (3%), ricreazione, spettacoli e cultura (+1,3%), servizi ricettivi e ristorazione (+0,7%). Decrescono: comunicazioni (-1,9%), istruzione (-3%), altri beni e servizi (-0,1%). Nel dettaglio quel che concerne l’Energia elettrica, nel mercato dell’energia elettrica si rileva un aumento congiunturale delle tariffe nel mercato libero (+1,1%; +0,7% il tendenziale). Una parentesi a va posta su tale aumento, perché, seppure a fine anno scorso si era previsto un aumento dei costi per il primo trimestre, secondo l’ultimo studio disponibile di Selectra SQ,  il servizio gratuito che confronta e attiva le offerte di luce, gas e internet per aziende e privati, chi ha saputo sfruttare le promozioni attivando il 20% delle offerte meno care sul Mercato Libero in italia, ha risparmiato circa il 9%, 45€ in bolletta, cui vanno sommati eventuali sconti o buoni di benvenuto. I dati dell’indagine, ai fini delle misurazioni della dinamica degli indici dei prezzi al Consumo, sono stati acquisiti da una pluralità di canali ed elaborati tenendo conto delle limitazioni, differenziate a livello regionale e definite dalle normative nazionali e locali per contrastare la pandemia causata dal Covid-19, pertanto sono stati imputati anche per questo mese gli indici relativi ai pacchetti vacanza nazionali e internazionali e quelli relativi agli agriturismo, ai parchi di divertimento, agli impianti di risalita, agli stabilimenti balneari e ai parchi nazionali, giardini zoologici e giardini botanici, essendo l’erogazione di questi servizi limitata a causa delle misure restrittive di lockdown attività turistiche e ricreative. (Dati report prezzi marzo 2021-ufficio statistica-Comune di Messina)

Share:

Author: Irene Galati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *