Mazzarrà Sant’Andrea, il Tar rigetta il ricorso. L’impianto della concessionaria Asja Ambiente spa va avanti

La gestione dei rifiuti nell’Isola ha visto di recente dei passi avanti, con il si del CGA al Piano dei Rifiuti a breve si arriverà all’approvazione definitiva all’Ars. Il documento innovativo recepisce le 4 direttive europee in materia di rifiuti: prevenzione, riuso,recupero di materia, energia e smaltimento superando le ormai ingestibili discariche. Intanto va avanti l’iter per la realizzazione del polo impiantistico pubblico per il trattamento dei rifiuti in località Zuppà del Comune di Mazzarrà Sant’Andrea, promosso dalla SRR Messina Provincia presieduta dal dott. Rosario Sidoti, sindaco del Comune di Montagnareale grazie anche alla disponibilità del sindaco di Mazzarrà Sant’Andrea,Carmelo Pietrafitta, che ha manifestato la volontà propria e della società partecipata Tirrenoambiente S.p.A. amministrata dall’On.Sonia Alfano, di ospitare il polo impiantistico in un sito peraltro già interessato da impianti di trattamento in disuso. Vedi ?https://www.telespazionotizie.it/2021/02/15/pattipresentazione-del-progetto-della-asja-ambiente-italia-spa/ Intanto la seconda sezione staccata del Tribunale Amministrativo di Catania ha rigettato il ricorso del Comune di Furnari contro la SRR Messina Provincia, il comune di Mazzarrà Sant’Andrea, Tirreno Ambiente spa ed Asja Ambiente spa con cui si chiedeva l’annullamento del bando di gara e di tutti gli atti preliminari oltre all’affidamento. Il Tar ritiene che “non sussiste alcun rischio attuale di un pregiudizio grave e irreparabile per la salute degli abitanti del Comune di Furnari anche in ragione della natura del modello di affidamento prescelto (progettazione, costruzione e successiva gestione) che non comporta l’immediata realizzazione dell’impianto poiché subordinato alle necessarie autorizzazioni ambientali (il cui procedimento non risulta nemmeno avviato)”.

Author: Irene Galati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *