RILEVAZIONE TERRITORIALE DEGLI INDICI DEI PREZZI AL CONSUMO DEL MESE DI FEBBRAIO 2021 DELLA CITTÀ DI MESSINA

Nella città di Messina nel mese di febbraio 2021 si è registrato un incremento congiunturale dello 0,3% e tendenziale dello 0,8% dell’indice dei prezzi al consumo. Crescono tendenzialmente rispetto all’anno precedente: prodotti alimentari e bevande analcoliche (+1,3%), bevande alcoliche e tabacchi (+2,7%), abbigliamento e calzature (+0,4%), mobili, articoli e servizi per la casa (+1,3%), servizi sanitari e spese per la salute (+0,5%), ricreazione, spettacoli e cultura (+1,8%), servizi ricettivi e ristorazione (+0,6%), altri beni e servizi (+1,4%). Decrescono: trasporti (-0,1%), comunicazioni (-2,1%), istruzione (-3%).Rimangono invariate: abitazione, acqua, elettricità, e combustibili. I fattori che hanno contribuito a determinare le dinamiche di prezzo più marcate dei beni e servizi a rilevazione centralizzata nel mese di febbraio 2021 sono per quel che concerne i prodotti per fumatori, l’aumento delle accise previsto dalla legge di Bilancio 2021, dei Servizi di telefonia si registra un leggero aumento congiunturale sia dei servizi di telefonia fissa a banda larga (+0,6%; +2% il tendenziale) sia dei servizi di telefonia bundle (+0,4%; +2,9% il tendenziale), per miglioramenti di linea. Per quel che concerne la Cultura: si rileva l’aumento del prezzo congiunturale dei giornali quotidiani, sia quelli a diffusione locale (+0,6%; +1,3% il tendenziale) sia quelli a diffusione nazionale (+06%; +1,9% il tendenziale), per una diversa distribuzione di allegati.Una puntualizzazione va fatta sulle attività turistiche e ricreative: questo mese gli indici relativi ai pacchetti vacanza nazionali e internazionali e quelli relativi ai parchi di divertimento, agli impianti di risalita, agli stabilimenti balneari e ai parchi nazionali, giardini zoologici e giardini botanici sono stati imputati, essendo l’erogazione di questi servizi limitata a causa delle misure restrittive di lockdown. dati sono stati elaborati tenendo conto delle limitazioni, differenziate a livello regionale, definite dalle normative nazionali e locali per contrastare la pandemia causata dal Covid-19. L’impianto dell’indagine sui prezzi al consumo, basato sull’utilizzo di una pluralità di canali sono stati diffusi dal Comune di Messina.

Author: Irene Galati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *