Riflettori su Asp Me

Sebbene l’attenzione dell’Assessorato alla Salute è su Messina e il commissario Maria Grazia Furnari oltre a far luce su ritardi e sulla gestione di interventi, dovrà raddrizzare le cose, i barcellonesi sono sempre in attesa di sapere se l’ospedale di Barcellona Pozzo di Gotto, che da ottobre ricopre la veste di Covid Hospital,  potrà mai dare servizi di assistenza più efficienti ai cittadini che in caso di emergenza potrebbero essere assistiti direttamente nella struttura, senza dover essere trasportati in ospedali più attrezzati. Sebbene fino ad ora si è cercato in molti modi di evidenziare le mancanze del servizio, le polemiche hanno acceso scontri che, invece che sistemare le cose sembrano avere acceso i riflettori sull’ Asp di Messina oltre che sulla lentezza del tracciamento dei tamponi anche su una mancata firma del dg La Paglia di una proposta di delibera urgente che impegnava l’Asp di Messina in un contratto settennale con un impegno di spesa di oltre dieci milioni di euro. Singolari coincidenze che avrebbero accentuato l’attenzione di una ulteriore verifica regionale.

Author: Irene Galati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *