Palermo omaggia Rosa Balistreri, la “cuntastorie del sud” scomparsa trent’anni fa

Dopo la sua morte, avvenuta a Palermo il 20 settembre del 1990, la memoria di Rosa Balistreri, la cantastorie di Licata, suo paese di origine in provincia di Agrigento, si è appannata, ma negli ultimi anni i suoi eredi, in particolare il nipote Luca Torregrossa, lavorano per recuperarne il valore e la fama.

La donna del canto popolare per eccellenza, se non altro quest’ultimo il sacrario socio culturale di un popolo, quello siciliano, tra i più dominati al mondo da tanti popoli conquistatori, tra questi i normanni, i greci, gli arabi, gli spagnoli. Rosa Balistreri è nota non solo per aver recuperato testi di arcaica memoria, ma soprattutto per averli reinterpretati attualizzandoli al suo ambiente culturale. Tramite i versi delle sue canzoni ci si compenetra nella terra arida e bella di Sicilia, nei campi assolati, nel buio delle miniere di zolfo, nella solitudine dei reclusi, nella nostalgia degli emigranti. Ma non è solo dolore, ma anche amore, che traspare per la propria terra e che si tramuta nella speranza e nella fiducia nella giustizia sociale e nel rispetto per i lavoratori. In un’intervista, rilasciata prima di lasciare questa terra al Docente di comunicazione e giornalismo presso il Dipartimento di Civiltà Antiche e Moderne dell’Università degli Studi di Messina e componente del Comitato Promotore e del Comitato Scientifico dell’Osservatorio Nazionale sulla Comunicazione Digitale, Francesco Pira, Rosa Balistreri aveva dichiarato: “Adesso ho deciso di gridare le proteste, le mie accuse, il dolore della mia terra, dei poveri che la abitano, di quelli che l’abbandonano, dei compagni operai, dei braccianti, dei disoccupati, delle donne siciliane che vivono come bestie”.

Oggi, esattamente come trent’anni fa, ricorre l’anniversario della sua morte, materiale e non spirituale. A lei sarà dedicato il dibattito «Rosa Balistreri trent’anni dopo fra passato presente e futuro», che si terrà alle 18.30 al Giardino dei Giusti A Palermo ed al quale parteciperanno il Professori Ignazio Buttitta e Sergio Bonanzinga, Mario Modestini e Pino Apprendi. Canteranno Alessandra Salerno, Cristofer Goddey e Fulvio Cama.

Share:

Author: Redazione Messina

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *