Sicilia, soccorsi altri due barconi a largo di Lampedusa. Musumeci: “La nostra isola non è una colonia”

Questa notte altri 114 migranti sono sbarcati a Lampedusa dopo essere stati soccorsi dalla Guardia Costiera, in mare aperto. E proprio mentre stavano per essere ultimate le procedure di trasferimento verso l’hotspot , la Capitaneria di porto ha avvistato un altro barcone con a bordo 44 profughi, di cui 4 marocchini e 40 originari del Bangladesh. Tutti i gruppi sono stati trasferiti al centro di prima accoglienza dove si trovano, al momento, 650 persone e solo ieri più di 500 migranti erano stati accompagnati in altre strutture.

“Abbiamo dato disponibilità e chiediamo reciprocità, ma vediamo che nella gestione del fenomeno migratorio c’è troppa improvvisazione e superficialità” – scrive in una nota sul suo profilo Facebook il governatore della regione siciliana Nello Musumeci, che non ci sta a far passare la Sicilia come una colonia per profughi.” Nessuno dica che è responsabilità delle forze dell’ordine: fanno tutto quello che possono e siamo loro grati. È semplicemente sbagliato che si faccia finta di nulla da parte del governo di Roma e che si dica che “tutto va bene”. Pretendo rispetto per la Sicilia – conclude Musumeci – non può essere trattata come una colonia. Abbiamo dato disponibilità e chiediamo reciprocità, ma vediamo che nella gestione del fenomeno migratorio c’è troppa improvvisazione e superficialità”.

fonte: messinaindiretta

Share:

Author: Redazione Messina

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *