L’ex assessore provinciale Bisignano attacca il sindaco De Luca sulla chiusura Hotspot di Bisconte: “Spettacolo indecoroso”

Dopo la decisione del sindaco Cateno De Luca di firmare l’ordinanza definitiva di demolizione dell’alloggio per migranti presso l’ex Caserma militare Gasparro di Bisconte, non mancano le polemiche, ed il primo a parlare ai microfoni di Messinaindiretta è proprio l’ex assessore provinciale Michele Bisignano, il quale non le manda a dire, mostrando il suo disappunto per la decisione del primo cittadino, accusandolo pubblicamente di “aver strumentalizzato la chiusura illegittima di un centro di accoglienza per migranti, offrendo tale provvedimento, come fosse un trofeo od uno scalpo, in pasto alla “canea” di certi suoi followers odiatori sociali, e per avere qualche like o consenso dei neo-razzisti messinesi”

“Ma ancora più grave – ribatte Bisignano – è il fatto che il Sindaco di Messina, dichiarando di intervenire nella qualità di massima autorità sanitaria locale (ruolo che non ha svolto in tante altre recenti occasioni che hanno riguardato la tutela della salute dei cittadini) vuole fare credere, in maniera subdola, che all’interno dell’hotspot vi fossero migranti contagiati dal Covid 19 o portatori di malattie infettive, in contrasto con quanto dichiarato dalla Prefettura riguardo alla non positività al contagio anche dei migranti che si sono allontanati dalla struttura”.

Fonte: messinaindiretta

Share:

Author: Redazione Messina

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *