Tele Puta Radio: Fiera di essere siciliana

In un momento così particolare per l’emittenza radio televisiva locale impoverita da leggi che non sono riuscite a preservarne l’importanza fondamentale di veicolo di diffusione della libertà di pensiero. In un momento così particolare in cui il tessuto pubblicitario vero polmone soffre di carenze d’ossigeno. Ecco, in questo momento è il caso di dire che vanno avanti le idee e i progetti. La nostra emittente e non vogliamo auto incensarci ha dimostrato di avere le caratteristiche per portare avanti un piano editoriale preciso: Identità e passione. Identità perchè rivendica il ruolo di “piccola siciliana” fiera di esserlo e passione perchè non si bada a fatica e denaro quando un progetto è avvincente. La programmazione offerta durante la clausura pandemica ha dato grossi risultati in termini di apprezzamento da parte del pubblico che ha particolarmente gradito i talk show serali condotti dalla simpaticissima e puntuale Giusy Venuti in compagnia di Paky Arcella. Tanti sforzi per portare sul palcoscenico di Tele Puta Radio nomi di prestigio a tutto tondo. Tutto reso possibile, considerando le dirette contemporanee, dalla qualità delle strumentazioni broadcasting che permettono la ricezione ad elevatissima qualità sia in locale sul canale 611 che in tutto il mondo attraverso la rete. Un’informazione che via via va potenziandosi diventando l’informazione del territorio……Potevamo fermarci qui? Decisamente no! E così da qualche giorno la nostra troupe, capitanata dal nostro editore, cui va riconosciuta una giusta dose di “pazzia”, si trova alle Isole Eolie intenta a girare una serie di documentari che vi porteranno alla scoperta dell’Arcipelago. Una grande occasione di riscatto per un territorio spesso lasciato solo da chi invece dovrebbe tendere una mano. Discovery Eolie promette davvero di essere un piccolo grande evento. Appuntamento a presto sui nostri canali, da non perdere. E’ sempre vero che dalle piccole cose nascono quelle grandi, ci si deve credere però e ci si deve tentare.

Share:

Author: Marzio Costa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *