La Procura sequestra la Scala dei Turchi

Apposti i sigilli agli accessi alla Scala dei Turchi dalla Guardia costiera di Porto Empedocle. A disporre il sequestro è stato il procuratore di Agrigento, Luigi Patronaggio, che ha iscritto nel registro degli indagati Ferdinando Sciabarrà, catastalmente proprietario di una grossa parte dell’area.

La magistratura contesta l’occupazione di demanio pubblico. “A fronte di un sito di immenso valore storico, paesaggistico e geologico, si deve purtroppo registrare una carente tutela dello sito stesso, verosimilmente attribuibile all’ambiguo status giuridico dello stesso” ha scritto la Procura nel provvedimento di sequestro. E’ da tempo in corso, tra il proprietario delle particelle catastali e il Comune di Realmonte, una diatriba anche giudiziaria.

Share:

Author: redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *