Catania, picchia a sangue la compagna

I Carabinieri del Nucleo Radiomobile della Compagnia di Gravina di Catania, nella flagranza, hanno arrestato un pregiudicato di 34 anni, perché responsabile di maltrattamenti in famiglia e lesioni personali aggravate, reati commessi nei confronti della compagna di anni 49.

Nella notte di martedì scorso, il centralino del 112 del Numero Unico Europeo ha ricevuto la telefonata di un cittadino residente a San Gregorio di Catania che, allarmato, avvisava di una violentissima lite ancora in corso in una vicina abitazione.

La centrale operativa dei Carabinieri ha inviato sul posto una pattuglia di militari che, entrati all’interno dell’appartamento, hanno constatato la presenza dell’uomo, ancora in preda ai fumi dell’alcol, che manifestava un comportamento alterato ed aggressivo mentre la donna aveva un occhio gonfio e nascondendosi per quanto possibile alla vista del compagno, mostrava ai militari un fazzoletto intriso di sangue, dando prova inequivocabile delle percosse appena ricevute.

La donna pertanto, nonostante la ferma opposizione del compagno, ha rivelato ai carabinieri che il compagno da alcuni mesi le usava violenza con calci e pugni, e di non averlo mai denunciato per timore di più gravi rappresaglie.

Alla donna è stato riscontrato “trauma facciale e costale sx con frattura di terza e nona costa di sx”, con una prognosi di gg. 30.

Questo ennesimo episodio di violenza, finalmente, ha indotto la donna a formalizzare una denuncia nei confronti del compagno violento che, quindi, è stato arrestato e tradotto nel carcere di Catania Piazza Lanza in attesa delle determinazioni dell’Autorità Giudiziaria.

Share:

Author: redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *