Anci Sicilia, seminario sul passaggio da Tari a Tarip

Grande partecipazione questa mattina al seminario dal titolo “Dalla Tari alla Tarip passando dalla nuova tariffa Arera” che, organizzato da AnciSicilia e Ifel, ha coinvolto oltre agli amministratori degli enti locali anche commercialisti ed esperti contabili.

Dopo l’introduzione di Mario Emanuele Alvano, segretario generale dell’AnciSicilia, che ha coordinato i lavori, è intervenuto il presidente dell’Associazione, Leoluca Orlando, il quale ha precisato come “questi incontri siano fondamentali per offrire agli amministratori strumenti, argomenti e nuovi punti di vista per approfondire tematiche importanti nella vita e nell’evoluzione degli enti locali “.

“Bisogna prendere atto – ha continuato il presidente Orlando – che il mondo dei rifiuti sta cambiando e la madre di tutti i problemi in questo specifico settore è, senza dubbio, l’impiantistica cui si collega il processo di raccolta differenziata e, a cascata, il rapporto tra utenti, servizio e amministratore comunale. L’ingresso dell’Arera cambierà radicalmente tutto il sistema e bisogna essere pronti a questa nuova fase. L’AnciSicilia, come ha già fatto nei mesi scorsi, anche oggi offre il proprio contributo per sostenere gli amministratori dell’Isola a gestire il cambiamento” . 

L’assessore regionale all’ Energia, Alberto Pierobon, ha precisato che non solo la “Regione sta cercando di supportare concretamente i comuni in relazione alle difficoltà burocratiche ma è anche impegnata nello spiegare in maniera analitica i passaggi fondamentali per non perdere le risorse a disposizione”.  

L’assessore Pierobon ha infine precisato che si trova “assolutamente d’accordo con la posizione dell’ Anci sul differire di un anno l’ingresso dell’Arera che in questo momento storico penalizza tutto il Sud Italia”.

Hanno concluso l’incontro gli interventi di Letterio Lipari, ragioniere generale del comune di Enna, e Giulio Angelucci dell’Ufficio di gestione rifiuti della provincia di Bolzano.

Share:

Author: redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *