Innovazione tecnologica, De Domenico:”Servono iniziative per lo sviluppo delle start up di settore”

Servono subito iniziative per lo sviluppo dell’innovazione tecnologica e delle start up di settore. Lo sostiene il deputato all’Ars Franco De Domenico che sollecita l’assessore regionale alle Infrastrutture Marco Falcone.

“Le dinamiche occupazionali nel meridione e nel nostro territorio siciliano, in particolare, costituiscono un vero e proprio allarme, sia economico che sociale –afferma in un comunicato stampa il deputato regionale del Partito democratico Franco De Domenico- ed esigono misure di contrasto straordinarie e non solo tradizionali. Servono, pertanto, provvedimenti di carattere strutturale, che abbiano una prospettiva di medio-lungo periodo e non di breve periodo, ma soprattutto che abbiano una prospettiva di intervento che sia frutto di un confronto con le migliori pratiche utilizzate con successo dalle altre regioni.

In questa ottica, ho presentato una interpellanza urgente all’assessore alle infrastrutture Falcone per sapere se non ritenga opportuno avviare in Sicilia iniziative a sostengo delle imprese che operano nel settore dell’innovazione tecnologica, sia start up che PMI, così come avviene in altre regioni attraverso strumenti finanziari innovativi.

La regione Lazio, per esempio, dall’inizio del 2019, è diventata la prima regione italiana a co-investire fondi europei nel venture capital per le imprese innovative, con l’obbiettivo sia di attrarre investitori privati nel capitale di rischio nelle giovani imprese innovative presenti nella regione o che decidono di aprire una sede operativa nella regione Lazio, che di rendere il tessuto produttivo regionale maggiormente attrattivo per il mercato dei capitali, innescando un virtuoso processo di sostegno alle startup.

Il progetto, che prevede un investimento complessivo di 140 milioni di euro, si basa su due strumenti innovativi: un fondo che agisce insieme a co-investitori privati, direttamente nel capitale di rischio di start up e imprese innovative e un “fondo di fondi” partecipato da investitori che hanno come target le imprese locali con l’obbiettivo di incrementare l’offerta di capitale di rischio a vantaggio di startup e PMI, con un considerevole effetto leva sui capitali di coinvestitori privati e un significativo impatto sull’economia reale della regione.

La Sicilia essendo regione obbiettivo 1 può essere il terreno fertile nel quale far attecchire progetti innovativi ed attrarre investimenti nazionali e internazionali dando un contributo per frenare l’emorragia dei giovani che giornalmente lasciano la nostra isola.

L’interpellanza urgente –conclude De Domenico- intende stimolare un intervento in tal senso del governo regionale e conoscere quali siano le direttrici cardine dell’attuale politica regionale di sostegno al settore dell’innovazione tecnologica, con particolare riferimento alle Start Up e alle PMI, e quali i risultati concreti sono stati ad oggi raggiunti, al di là delle appartenenze e delle polemiche che non giovano ai siciliani e servono spesso a coprire l’immobilismo gestionale”.

Share:

Author: redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *