Oggi il voto finale al taglio dei parlamentari

Si attende oggi il via libero definitivo dell’Aula di Montecitorio alla riforma costituzionale che taglia il numero dei parlamentari – portandoli dagli attuali 945 a 600 totali – con un disco verde che appare blindato anche dall’accordo sulle riforme raggiunto ieri sera dalla maggioranza. L’intesa, strutturata in 4 punti, prevede tra le altre cose la presentazione della riforma elettorale entro dicembre.

Se per il ministro per i Rapporti con il Parlamento, Federico D’Incà “la riforma passerà” perché “il M5S è assolutamente compatto. Il tema del taglio dei parlamentari è concordato nel programma, è stato votato ed è una battaglia storica del Movimento”, il deputato M5S Andrea Colletti ha intanto anticipato all’Adnkronos che voterà contro o si asterrà. “Farò una dichiarazione in Aula, ma o voto contro o dichiaro che non parteciperò al voto”, ha affermato. Voterà invece “convintamente a favore” Gianluca Vacca, altro deputato M5S che aveva tracciato, sempre su Facebook, luci ed ombre del cosiddetto ‘taglia poltrone’. L’unica defezione, fatte salve eventuali assenze nel M5S, dovrebbe insomma essere quella di Colletti.

“Nel caso in cui non ci fosse un esito favorevole oggi ne trarremo le dovute conseguenze – ha detto ancora D’Incà – Per quel che mi riguarda dovremo assolutamente fare una riflessione interna”. Per l’ex presidente della Camera, Pierferdinando Casini, con il taglio dei parlamentari “siamo davanti a un impasto di demagogia privo di buon senso, per giunta presentato come un contributo determinante per i risparmi della comunità nazionale”. A dire sì al taglio è Fratelli d’Italia che “voterà oggi a favore del taglio del numero dei parlamentari”, fa sapere Giorgia Meloni.

Share:

Author: redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *