Luigi Di Maio: “L’Iva non può aumentare”

Ieri sera, alla vigilia del Consiglio dei ministri che deve approvare la Nota di aggiornamento al Def, a Palazzo Chigi, c’è stato un vertice sulla manovra con il premier Giuseppe Conte e il ministro dell’Economia Roberto Gualtieri. Presenti i rappresentanti dei partiti che sostengono il governo: Pd, M5S, Leu e Iv.

A poche ore dal Consiglio dei ministri nell’esecutivo torna a salire la tensione sul fronte Iva. A innescare le polemiche sono le dichiarazioni del ministro dell’Economia Roberto Gualtieri a ‘In mezz’ora in più’, su Rai 3: “Stiamo lavorando a varie opzioni, leggo sui giornali pezzi che combinano vari elementi”, ma l’invito è alla cautela perché “esistono varie ipotesi allo studio che in ogni caso, soprattutto per effetto di incentivi alla transizione verso pagamenti elettronici. Produrrebbe riduzione e non aumento dell’Iva” aggiunge il ministro sottolineando che “questo può essere fatto attraverso rimodulazione selettiva o altri meccanismi”.

Parole alle quali replica il ministro degli Esteri, Luigi Di Maio,: “L’Iva non può aumentare, né nell’aliquota minima, né nell’intermedia, né in quelle più alte” assicura Di Maio a ‘Non è l’arena’. Italia Viva con Luigi Marattin ribadisce che “Italia Viva ha fatto nascere questo governo anche per evitare l’aumento dell’Iva. Non c’è nessuna ragione per aumentarla adesso. E lo dimostreremo numeri alla mano”.

Durante l’intervista su Rai 3, Gualtieri ha assicurato che la cifra di 30 miliardi per scongiurare l’aumento dell’Iva “è una cifra credibile”. “Ai 23 miliardi” per evitarne l’aumento, ha spiegato il titolare dell’Economia “sono da aggiungere altri miliardi per le politiche da mettere in campo. Comunque la cifra sarà definita dal Cdm”.

Inoltre, rispondendo a una domanda sulle critiche di Confcommercio che ha ipotizzato ‘uno scambio compensativo tra più Iva e meno cuneo fiscale’, Gualtieri ha garantito che non ci sarà “più Iva” perché la maggiorazione “è quella che vogliamo abolire, mentre ridurre il cuneo fiscale è una necessità; vogliamo avviare l’intervento sul cuneo” e “partire con un primo scaglione di riduzione del cuneo fiscale, è un elemento importante non solo a livello redistributivo ma anche per la crescita”.

Il ministro dell’Economia ha infine ironizzato, alludendo a Matteo Salvini: “C’è il conto Papeete da pagare”. Replica secco Giancarlo Giorgetti: “Volevo dire a Gualtieri che l’aumento dell’Iva non l’abbiamo lasciato noi ma il governo Gentiloni. Quindi si rivolga a lui, per quello”.

Share:

Author: redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *