Lampedusa, Open Arms salva altri 39 migranti

La ong spagnola Open Arms ha soccorso altri 39 migranti in una nuova operazione. Lo ha annunciato su Twitter il responsabile della ong, Oscar Camps, specificando che l’operazione è avvenuta in “acque internazionali” e che “nel frattempo, continuiamo ad attendere un porto sicuro dove attraccare“. La Open Arms, che da giorni si trova al largo di Lampedusa, ha a bordo altri 121 migranti. “Malta rifiuta di sbarcare le 121 persone che si trovano a bordo da 9 giorni sull’#OpenArms, è disposta a prendere solo le 39 persone salvate un’ora fa. E’ inammissibile. Questo ha generato seri problemi di sicurezza a bordo”, denuncia in un post Open Arms Italia.

Intanto, dal Viminale è stato notificato all’Ocean Viking il divieto di ingresso, transito e sosta in acque italiane. Il governo italiano ha scritto una nota verbale all’ambasciata del Regno di Norvegia, spiegano fonti del ministero dell’Interno.

“Se salvare vite in pericolo è un crimine, io sono una trafficante. Ma se parliamo dei trafficanti che guadagnano milioni di euro, loro sono a terra in un posto sicuro, non in mare, non rischiano la vita come queste 121 persone che stiamo cercando di aiutare”, scrive Ani Montes Mier, 31 anni, capo missione di Open Arms, in un’intervista a ‘La Repubblica’. “Aiutare le persone in stato di necessità è quello che ogni essere umano deve fare – sottolinea Ani Montes Mier – Preferisco invecchiare con la chiara coscienza di aver fatto la cosa giusta. Non importa cosa può accadermi se loro sono in salvo”.

La 31enne capo missione di Open Arms, in merito al fatto che è indagata per favoreggiamento dell’immigrazione clandestina e violenza privata insieme al comandante Marc Reig, sottolinea che ”è troppo facile provare che noi non siamo in contatto con nessun trafficante. È la ragione per cui stiamo ancora lavorando, perché non esiste alcuna prova. Una bugia più volte detta non diventa verità solo perché viene detta”.

“Noi non stiamo violando alcuna legge, lavoriamo nello stesso quadro giuridico in cui abbiamo lavorato negli ultimi anni – aggiunge – È la ragione per cui ci sentiamo abbandonati dagli Stati: noi stiamo rispettando le convenzioni internazionali che gli Stati hanno firmato. Noi siamo qui per dimostrare che loro le stanno violando, non noi”.

E sugli insulti ricevuti sui social Ani Montes Mier dice: “Ho cose più importanti da fare che leggere i commenti di persone che scrivono da un posto con una cena, una doccia calda, un letto, di cose di cui non sanno nulla. Non ho tempo da perdere, devo portare a terra questa gente. Aiutateci”.

“Tutti sanno quali sono i porti sicuri più vicini, Lampedusa e Malta – conclude – Ma io voglio fare un altro tipo di appello: non chiedo solo un porto sicuro dal punto di vista giuridico,ma anche dal punto di vista umano. La solidarietà non muore mai. Io non la lascerò morire”.

Share:

Author: redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *