Messina, evade dai domiciliari e viene tradotto in carcere

All’inizio di luglio era stato arrestato in flagranza di reato dai poliziotti delle Volanti per resistenza e lesioni a P.U., nonché denunciato in stato di libertà per i reati di tentata estorsione e lesioni. Cariolo Mario, messinese di 30 anni, si era recato a casa dello zio e con fare aggressivo e minaccioso gli aveva intimato di consegnargli del denaro, aggredendolo poi con schiaffi e pugni per non avere soddisfatto la sua richiesta.

Sottoposto agli arresti domiciliari con ordinanza emessa dal Tribunale di Messina, è stato arrestato pochi giorni dopo per il reato di evasione, essendo stato sorpreso e riconosciuto in strada alla guida della sua autovettura.

Ieri, gli agenti delle Volanti hanno proceduto al trasferimento in carcere, come disposto dall’ordinanza di aggravamento della misura cautelare emessa dal GIP a carico dell’uomo.

Share:

Author: redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *