Trapani, Questura infligge DASPO ad un tifoso

Gli episodi di violenza all’interno dello stadio Provinciale di Trapani ed in occasione di manifestazioni sportive non sono tollerati!

In questo caso il Questore di Trapani ha inflitto un provvedimento di DASPO sportivo nei confronti di un tifoso del Trapani Calcio, P.M., classe 1987, responsabile di reiterate condotte aggressive poste in essere durante lo svolgimento della finale play off Trapani-Piacenza, svoltasi presso il locale stadio provinciale il 15 giugno scorso.

In particolare, durante l’incontro, il giovane – già colpito qualche anno addietro da un altro provvedimento di DASPO – andava, dapprima, in escandescenze scontrandosi fisicamente con alcuni tifosi presenti in curva nord, successivamente, dopo essere stato allontanato dagli spalti, trovandosi già all’esterno dello stadio, gettava al suolo delle transenne poste a delimitazione delle aree di accesso all’impianto e aggrediva violentemente gli agenti di Polizia presenti.

Per tali ragioni il supporter è stato denunciato all’A.G. competente e, ad esito di una completa ricostruzione della vicenda, il Questore di Trapani, al fine di stigmatizzare l’odiosa condotta, ha comminato uno specifico provvedimento di DASPO della durata di sei anni (Divieto di accesso presso gli stadi ed impianti sportivi del territorio nazionale) nei confronti dello stesso, aggravato dall’obbligo di firma presso gli uffici di polizia, prescrizione cui questi dovrà attenersi proprio in concomitanza con lo svolgimento degli incontri sportivi.  

L’azione di contrasto a tale tipologia di comportamenti rappresenta una precisa scelta strategica della Questura trapanese, tesa a far rispettare le regole in ogni manifestazione sportiva ed arginare la violenza sui campi di calcio. In questa circostanza, tra l’altro, a rendersi protagonista della brutta vicenda un soggetto recidivo al quale sono state applicate le disposizioni del nuovo “Pacchetto Sicurezza” che ha previsto un inasprimento del regime sanzionatorio.

Author: redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *