Regione Sicilia, in manette ex consulente Lega

Sono scattate le manette Paolo Arata, ex consulente della Lega per l’energia ed ex deputato di Fi, e il figlio Francesco. Le accuse per loro sono di corruzione, autoriciclaggio e intestazione fittizia di beni. Dalle indagini, risulterebbe che i due sarebbero soci occulti dell’imprenditore trapanese Vito Nicastri, ritenuto dai magistrati uno dei finanziatori della latitanza del boss Matteo Messina Denaro. 

Gli Arata sono indagati da alcuni mesi per un giro di mazzette alla Regione siciliana che coinvolge anche Nicastri. Oltre che nei confronti dei due Arata il giudice ha disposto l’arresto per Nicastri e per il figlio Manlio, indagati anche loro per corruzione, auto riciclaggio e intestazione fittizia. Ai domiciliari invece l’ex funzionario regionale dell’Assessorato all’Energia Alberto Tinnirello, accusato di corruzione.

Share:

Author: redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *